ROGATE ERGO

Rivista di animazione vocazionale -  Febbraio 2017

Missione coraggio

refeb17

 Violenze, migrazioni, crisi del mercato, situazioni socio-ambientali precarie, sono tra i maggiori problemi che provocano la Chiesa a cercare nuovi paradigmi di missionarietà e ad interrogarsi se non sia il caso, nell’epoca della globalizzazione, di declinare il concetto “missionario” in termini antropologici piuttosto che geografici, puntando l’attenzione sull’essere missione prima che sull’avere una missione. A questo proposito Nico Dal Molin, nell’editoriale, illustra i motivi che rendono questo cambio di prospettiva necessario e coraggioso.

Missione e coraggio, un tandem attualissimo nel tempo in cui si assiste all’esaltazione degli eroi del cinema, della letteratura, dello sport e particolarmente della canzone, come ampiamente scrive il cantautore Pino Fanelli. Sotto il profilo psicologico Rosella De Leonibus si sofferma sul coraggio e sulla paura, realtà diverse ma chiamate a trasformarsi l’una nell’altra attraverso il controllo delle emozioni, che però ha bisogno di educazione, come spiega Mario Pollo.

 

 

 

ROGATE ERGO

Rivista di animazione vocazionale -  Gennaio 2017

Vie di ecumenismo 

regen17

 

 

I

I passi compiuti nel dialogo tra le varie confessioni cristiane sotto il pontificato di Papa Francesco vengono analizzati dal numero di gennaio della rivista Rogate ergo sotto il profilo della storia e degli attuali sviluppi A fronte dei nodi teologici ancora irrisolti l’Editoriale, firmato da Brunetto Salvarani, fa notare che il successo maggiore dell’ecumenismo sta nella sua stessa idea che ha assunto forme di vita non solo attraverso gesti, incontri ed espressioni di carità, ma anche di condivisione del martirio, come dimostra il comboniano Giulio Albanese.


        

La parte centrale del numero è riservata al racconto delle testimonianze ecumeniche, a cominciare da quelle dei consacrati, Vengono riportate le esperienze del carmelitano Anders Arborelius, vescovo di Stoccolma, della Comunità Monastica di Bose, delle Suore Oblate Benedettine di San Vito dei Normanni, dei domenicani di Bari. Originale l’ecumenismo che, attraverso le canzoni, esprime il gruppo Gen Rosso del Movimento dei Focolari, che in 50 anni ha contribuito a creare non pochi ponti tra le Chiese.


 

ROGATE ERGO

Rivista di animazione vocazionale -  Dicembre 2016

Cercare l'incontro

  

re_12_2016

 

 

In vista del Natale, festa dell’incontro tra Dio e l’uomo, Rogate ergo offre ai suoi lettori un approfondimento sulla cultura dell’incontro, argomento più volte affrontato da Papa Francesco. In particolare nell’editoriale Gian Carlo Perego, direttore generale Migrantes, spiega con tre verbi le caratteristiche che dovrebbe avere l’incontro tra cristiani e persone di diversa cultura e religione: guardare, fermarsi, toccare, dialogare. Viene poi analizzata dal biblista Giuseppe De Virgilio la relazione esistente tra Dio e l’uomo attraverso un’interessante carrellata di personaggi dell’Antico e del Nuovo Testamento.



        

Ampio spazio la rivista dedica agli aspetti pedagogici della cultura dell’incontro, anche perché, come spiega il pastoralista Giovanni Villata, l’individualismo, il relativiismo, i social media, non originano un sistema di vita personale e sociale fondato su relazioni stabili e durature. Il sociologo Franco Garelli parla del difficile incontro tra i giovani e Dio sulla base dei risultati emersi da una sua recente inchiesta, pubblicata nel libro “Piccoli atei crescono” (Il Mulino).


 

 

ROGATE ERGO

Rivista di animazione vocazionale -  Novembre 2016

Discernere i carismi

  

renov16

 

 

Il tema del Sinodo dei Vescovi del 2018, “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, e  la recente Lettera  “Iuvenescit Ecclesia” della Congregazione per la Dottrina della fede, sono serviti da input alla rivista Rogate ergo per fare un discorso articolato sul discernimento dei carismi.

        

Dopo uno sguardo storico sulla maturità raggiunta  dai movimenti ecclesiali nel postconcilio, il teologo Piero Coda si sofferma sull’importante  riconoscimento della co-essenzialità dei doni gerarchici e carismatici di cui parla la “Iuvenescit Ecclesia”, documento da lui considerato “una pagina nuova” sui carismi. Lo psicoterapeuta Severino De Pieri spiega invece i criteri che devono accompagnare gli educatori nel lavoro di discernimento, specialmente in prospettiva vocazionale. 

 


 

 

ROGATE ERGO

Rivista di animazione vocazionale -  Ottobre 2016

Essere creativi

  

re_10_16

 

 

Il termine creatività ritorna spesso nei discorsi di Papa Francesco ed  è presente anche nel Messaggio della prossima Giornata Missionaria Mondiale (16 ottobre): ”Siamo tutti invitati ad uscire, ciascuno mettendo a servizio i propri talenti, la propria creatività”. Parte da questa considerazione il numero di ottobre di Rogate ergo. Dopo un’analisi del senso e delle caratteristiche della creatività vengono suggerite alcune applicazioni pastorali dal teologo Luciano Manicardi e dallo psicologo Amedeo Cencini. 

       

La creatività, che non è una peculiarità di pochi ma fa parte dello stile di vita di ciascuno, è una qualità che arricchisce le attività quotidiane di motivazioni  a patto che si lasci spazio allo stupore, e si abbia la forza di sfidare l’omologazione. Fattori questi che chiamano in causa prima di tutto l’educazione.La Pedagogista Enza Sutera, rispondendo alla domanda se i giovani sanno sognare, invita a non lasciarli soli di fronte ai molti ostacoli che oggi impediscono la creatività: abbagli consumistici mediatici, perdita del senso dell’utile e del limite.

 


 

 

ROGATE ERGO

Rivista di animazione vocazionale -  Agosto Settembre 2016

Di fronte alla Eucarestia

  

re_ago_set_16

 

 

E’ dedicato al Congresso Eucaristico Nazionale, in programma a Genova dal 15 al 18 settembre, il numero 8/9 della rivista Rogate ergo, aperto dall’editoriale di Enzo Bianchi, priore di Bose.

       

Del tema del Congresso, “L’Eucaristia sorgente della missione”, si parla nell’approfondimento biblico di Giuseppe De Virgilio e nell’analisi pedagogica e sociologica di Giosy Cento e Gianni Castorani, mentre l’ecumenista Giovanni Cereti spiega il posto dell’Eucaristia nelle varie confessioni cristiane. Chiude la prima parte della rivista Il punto di Amedeo Cencini sulla dimensione vocazionale dell’Esortazione Apostolica postsinodale “Amoris laetitia” .


 

 

ROGATE ERGO

Rivista di animazione vocazionale -  Giugno Luglio 2016

Incontro ai giovani

  

re_giu_lug_16

 

 

La Giornata Mondiale della Gioventù di Cracovia è alle porte e la rivista Rogate ergo di giugno offre il suo contributo, avvalendosi di numerosi esperti. Ma chi sono i giovani a cui la Chiesa rivolge l’attenzione, l’ascolto e l’annuncio del messaggio di Gesù? La rivista parte da una riflessione sull’educazione dei giovani nella tradizione biblica per poi approfondire alcune recenti inchieste sul loro modo di guardare a Dio.


 

 

ROGATE ERGO

Rivista di animazione vocazionale -  Maggio 2016

Sulle orme di Maria

  

remag2016

 

 

Esiste ancora il mese di maggio con le sue pratiche devote, i fioretti, gli altarini, il rosario, la “mistica corona” come lo chiamò Giovanni XXIII nell’enciclica “Grata recordatio”? Questo numero di Rogate ergo affronta l’argomento a partire dai modi con cui i giovani di oggi guardano alla Madre di Gesù, e in ragione dei quali dovrebbero muoversi gli operatori pastorali.


 

 

ROGATE ERGO

Rivista di animazione vocazionale -  Aprile 2016

Dietro i simboli

  

reapr16

 

 



Stringere una mano, fare il segno della croce, regalare un fiore…L’uomo è un animale simbolico, la maggior parte degli atti che compie vanno al di là della loro portata fisica, per acquistare un valore che si pone nell’ordine del significato. Rogate ergo affronta questo argomento partendo dalla Bibbia e approfondendo il ruolo dell’immaginazione, che Newman definiva la via maestra per incontrare Dio nella preghiera.


 

 

ROGATE ERGO

Rivista di animazione vocazionale -  Marzo 2016

Pasqua di perdono

  

remar16

 

 



Nessuno può pensare di essere felice senza sperimentare il perdono di Dio. Sant’Agostino nelle Confessioni scrive: “Che non intoni la tua lode colui che non considera la tua misericordia”. E Papa Francesco, che ha fatto del perdono una delle cifre del suo pontificato, nell’udienza giubilare del 20 febbraio scorso, ha detto:“Tutti siamo peccatori, ma Dio si avvicina per darci conforto e la misericordia perdona”.